Rio 2016: La Cerimonia degli Illuminati – parte 1

I misteri celati dei giochi olimpici
By Luca Gnostic 3 anni agoNo Comments

La cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 tenutasi qualche giorno fa è stato l’ ultimo tra numerosi eventi di massa utilizzati come giganteschi rituali magico/simbolici degli Illuminati o della Cabala come viene spesso chiamata negli Stati Uniti.

LONDRA 2012

Nella scorsa edizione del 2012 a Londra i riferimenti erano stati talmente palesi da destare qualche perplessità anche nei più scettici.

pir

Le luci dello stadio inaugurale riportano la tipica piramide, la più classica delle forme utilizzate dagli Illuminati e presente ad esempio sul retro della banconota da un dollaro. In magia rituale è chiamato anche triangolo della manifestazione e propizia il passaggio da potenziale a realizzato di un effetto.

fenix

Spesso lo vediamo rappresentato tramite una posizione delle mani da varie pop star come Beyonce. I riflettori una volta accesi, concorrevano a creare un effetto molto suggestivo come si vede nella sequenza della fenice.

bennu

Questo animale mitologico presente anch’ esso sulla banconota da un dollaro e a seconda delle occasioni declinato in varie forme, dall’ aquila al fenicottero, al pavone come nella Corte della Pigna in Vaticano, è di derivazione egizia (chiamato bennu). In questo caso sta a significare il risveglio della super-coscienza, o trans-coscienza.

mitra

Nella religione degli Illuminati, essi, a differenza della gente comune hanno raggiunto questo stato grazie alle conoscenze segrete ricevute tramite la tradizione misterica, oltre che da una particolare discendenza di sangue. Una di queste scuole è quella del culto di Mithra, molto in voga al tempo dei Romani. Una delle rappresentazioni del Dio lo vede con il volto di Leone (la manifestazione si è tenuta per lo più nel mese di Agosto la cui casa astrologica è proprio quella del felino), in mano una torcia come quella olimpica e circondato da delle fiamme a spirale.

hydra

In questa ottica, le altre persone sarebbero delle pedine da controllare e rappresenterebbero una sorta di sudditanza con il dovere di soddisfare il volere dei padroni e di adorarli. Vediamo infatti come persone soggiogate dopo aver costruito a suon di tamburo una piramide – un po’ come succedeva sulle navi schiaviste dove gli schivi neri remavano a ritmo degli strumenti delle guardie – si inchinano in segno di adorazione in maniera analoga a quella che la tradizione narra riguardo la costruzione delle piramidi: gli Illuminati sono i nuovi faraoni! Il controllo però adesso non viene più esercitato in maniera così palese, ma è nascosto e sottile. Le trame vengono tessute in segreto ed i tentacoli del mostro arrivano dovunque. Fa infatti la sua apparizione una bella piovra che assomiglia molto a quella di Fantasia dei fumetti Marvel e che nel penultimo capitolo della saga di Capitan America intitolato TheWinterSoldier riesce ad insediarsi a tutti livelli dell’ Intelligence americana a partire dalla reale operazione Paperclip quando le maggiori menti scientifiche naziste furono portati negli Stati Uniti per continuare il programma missilistico che poi sarebbe diventato quello spaziale.

RIO 2016

In questa edizione 2016 a Rio, salvo sorprese durante la cerimonia di chiusura, siamo di fronte d un diverso tipo di approccio, sicuramente meno palese (ma non troppo) ma piu’ sottile e di certo non meno inquietante. Stavolta si è dato molto risalto ad elementi magico/pagano/druidici rivolti al culto della Terra con elementi saturnini.

La Torcia

fiamma

Tutti conoscono la torcia olimpica e come sia trasportata dalla Grecia sino al sito della cerimonia di apertura per l’ accensione della fiamma che da inizio ai giochi. Quello che pochi sanno è che la tradizione è stata iniziata durante i giochi del 1936 da parte della Germania Nazista per creare una sorta di ponte con la terra originaria del popolo Ariano. In campo simbolico il braciere con la fiamma è collegato al dono che la divinità Prometeo fa all’ uomo del fuoco che il Dio Zeus teneva sino a prima solo per sè e che segna l’ inizio del percorso umano verso l’ illuminazione. In alcune branche dei culti misterici la figura che porta la fiamma è Lucifero – che non è la stessa cosa di Satana – che letteralmente dal latino significa “portatore della torcia”. Nei rituali magici il calderone con la fiamma è utilizzato per focalizzare l’ attenzione e l’ energia verso un punto specifico entrando in uno stato meditativo utile al lancio dell’ incantesimo. In questa edizione  l’ effetto ipnotico è stato enfatizzato dall’ utilizzo di una spirale sullo sfondo torcia

Le Piramidi

green

Immancabili protagoniste, le piramidi fanno la loro bella comparsa anche quest’ anno. Ma ci sono alcune novità. Come si può vedere sono di colore verde e di direzione invertita. Quelle verticali sono visibili solo come forme astratte in negativo nello spazio tra quelle inverse. Come mai inverse? La piramide invertita, o calice, rimanda alla concezione del femminino sacro ovvero ciò che riceve e completa la piramide verticale , fallica, in quella che si chiama riconciliazione degli opposti o delle polarità. Questo tipo di simbologia resa famosa  dal Codice Da Vinci di Dan Brown e presente ad esempio in Francia al Louvre oltre che nel simbolo della massoneria. Il verde perchè è il colore della madre Terra,  della Natura, e della sua capacita di rigenerazione. Le piramidi inoltre sono formate da quelle che sembrano i filamenti della tela di un ragno, versione femminile della  piovra del 2012, che e’ oltretutto visibile in una diversa sequenza.

Il Simbolo della Vittoria

pan

Il concetto espresso dalla piramide inversa e rappresentato anche nella gigantesca mano verde che esibisce il simbolo della vittoria. Questo simbolo e stato popolarizzato durante e dopo la guerra da una delle personalità cardine del secolo scorso, ovvero Winstol Churcill, primo ministro inglese e noto membro della massoneria ( e forse ministro del culto druidico). Il simbolo è talmente famoso da essere entrato nell’ immaginario collettivo. Ma quale ne è la vera origine? Sembra che la sua più antica testimonianza derivi dalle tradizioni del dio greco Pan che presiedeva appunto alla magia ed alla natura ed era tipicamente ritratto con le sembianze metà umane e metà caprine. In seguito sarebbe diventato la divinità Baphomet che per alcuni simboleggia la doppia natura umana, maschile e femminile, bestialità e razionalità, sole e luna, ricollegandosi a quanto detto prima per le piramidi dritta ed inversa – la V è anche una forma stilizzata di quest’ ultima. Per altri invece sarebbe un simbolo satanico in quanto se si proietta sul muro l’ ombra di una mano in quella posizione le dita alzate si mostrano come corna e le altre come il viso di Satana. Le prime due linee che si disegnano della stella pentagramma, se inversa per l’ utilizzo nella magia nera, sono inoltre proprio una V. Quale che sia la corrispondenza intesa dagli Illuminati, anche se la preesistenza dei culti pagani rispetto al Cristianesimo mi fa propendere contro l’ ipotesi satanista, una cosa è certa, il simbolo della vittoria è dopo la fiamma, un simbolo magico!

Per la prima parte è tutto!

La seconda sarà presto disponibile. Alcune anticipazioni:

  • Simbolo della Pace?
  • Come mai tanta enfasi sul Cambiamento Climatico?
  • I Meccanismi del Rituale Magico della Cerimonia di Apertura
Category:
  Approfondimenti
this post was shared 0 times
 600

Leave a Reply

Your email address will not be published.